#GDR MANIA | Eve Online

In questa prima edizione della rubrica “GDR MANIA”, vi parlerò di un gioco che probabilmente molti, tra voi Nerd e semi-Nerd che amano passare le serate di pioggia in compagnia di Peroni e computer, conoscono.
E sono sicuro che quelli che conoscono Eve Online, saranno d’ accordo con me  sul fatto che il suddetto “gioco”, nel bene o nel male, è tutto tranne che un gioco.
A quelli che mi chiedono cosa sia Eve, io rispondo “E’ un gioco brutto”. Al ché mi chiedono “e perché ci giochi ancora?”, e io rispondo “non lo so”.
Penso che questo possa riassumere Eve e tutto quello che gli gira intorno, ma per capire cosa voglio dire, dovete conoscere come funziona il gioco, e dovete averci giocato almeno per un po’.
No mi sento però, di consigliarvi di iniziare a giocarci, in quanto probabilmente, Eve Online è una delle più (se non LA più), e questo è assolutamente un male, fottute spirali succhia-anime dei poveri aspiranti nerd che si affacciano al mondo dei MMORPG.
Ma ora, un po’ di storia (copiata para para da Wikipedia), giusto per entrare nel giusto “Nerdy Mood” che piace  a me.

“Eve Online, rilasciato nel maggio 2003 dalla CCP Games e tuttora in evoluzione, è un MMORPG sandbox fantascientifico, interamente ambientato nello spazio, e tra i più longevi del genere”.

Già nelle prime tre righe, abbiamo tre parole che farebbero venire un erezione a chiunque abbia dentro di sé anche un minimo di quel lato oscuro, che preferirebbe farci stare chiusi in casa davanti a uno schermo tutta la vita.
MMORPG, SANDBOX FANTASCIENTIFICO, INTERAMENTE AMBIENTATO NELLO SPAZIO. Potrei fermarmi qui e incollarvi il link per scaricarlo, ma andiamo avanti, tanto i copia-incolla non costano nulla e danno spessore all’ articolo.

Trama!
In un lontano futuro l’ uomo comincerà a viaggiare regolarmente nello spazio, colonizzando ogni angolo della nostra galassia, la Via Lattea. La colonizzazione verrà permessa grazie all’ implementazione della tecnologia “Warp” e della costruzione dei “Jump-Gate”: i dispositivi che consentiranno di creare Wormhole artificiali che permetteranno il passaggio da un punto all’ altro dell’ Universo, in tempi brevissimi.

Nel 7703 d.C., nella zona del sistema planetario di Canopus, verrà scoperto un enorme wormhole naturale, comunicante con un’ altra sconosciuta galassia dell’ Universo. Un mondo inesplorato e ricco, tutto da conquistare, che potrà dare ossigeno alla vecchia Via Lattea ormai satura e ampiamente sfruttata.
Un nuovo inizio, una nuova vita.
Ecco perché il wormhole verrà chiamato “Eve“. La colonizzazione inizierà subito dopo aver verificato la stabilità del wormhole, e continuerà anche dopo la sua chiusura, grazie alla costruzione di due enormi JumpGate alle due estremità, durata due secoli. Eve gate metterà in comunicazione il sistema di Canopus con quello di New Eden, come verrà battezzato il primo sistema al di là delwormhole naturale.
Così, anche dopo la chiusura del Wormhole, la colonizzazione proseguirà per un’ altra settantina d’ anni senza problemi. Un giorno, però, un evento sconosciuto provocherà un fenomeno talmente disastroso da cancellare quasi tutto il sistema solare di New Eden, rendendo di fatto inutilizzabile l’Eve Gate: ogni nave che tenterà di avvicinarvisi sarà infatti distrutta da violenti fenomeni gravitazionali e magnetici. verranno così tagliate le vie di comunicazione e di commercio tra le due galassie.
I coloni si ritroveranno, così, soli in un mondo ancora troppo dipendente dalla galassia madre per poter sopravvivere basandosi sulle sole proprie forze. I pianeti appena colonizzati, non essendo del tutto terraformati, non saranno autosufficienti e le colonie si trasformeranno rapidamente in immensi e desolati cimiteri. Un rapidissimo declino tecnologico e sociale colpirà le varie comunità umnane sopravvissute al disastro, portandole a uno status semibarbarico, prive delle antiche tecnologie ormai dimenticate, e isolate nei loro pianeti, che non saranno più in grado di lasciare.
Passeranno millenni, così, in cui le varie comunità inizieranno da capo a svilupparsi e progredire, anche se totalmente ignare dell’ esistenza l’ une delle altre.
Finché non torneranno a riconquistare la perduta capacità di lasciare il proprio pianeta, per inoltrarsi nello spazio, tornando a esplorarlo e a conquistarlo.
In tutti questi millenni, saranno cinque le principali colonie umane sopravvissute e rievolutesi, da cui discenderanno le fazioni di Eve: gli Amarr, i Caldari, i Gallente, i Minmatar, e i Joviani. Ognuna di queste cinque razze, sarà contraddistinta da tratti somatici, abitudini sociali, strutture politiche ben definite, dovute alle condizioni differenti su cui influiranno anche le condizioni ambientali dei loro pianeti di origine.
Ognuna di esse, tra varie vicissitudini, avrà il controllo della parte di Universo di Eve in cui si troverà il proprio pianeta d’ origine.
Da esse nasceranno altre entità minori, cosiddette di Pirati, che prenderanno il controllo delle zone più remote.
Le grandi corporazioni di pirati saranno quelle degli Angels, dei Blood Raiders, dei Guristas, deiSanshas, dei Serpentis, e quella dei Droni, che non sarà una vera e propria razza umana, ma una comunità di automi totalmente autosufficienti.
Siamo nell‘ anno 23341 d.C.

Ed è proprio da quell’ anno che comincia la nostra avventura.
Con le varie espansioni di Eve (che ormai ha compiuto 10 anni), la storia è andata avanti, e il bello è che gli sviluppatori, l’ hanno sviluppata in base all’ andamento del gioco portato avanti dai giocatori, e così faranno anche nelle future espansioni, per i prossimi dieci anni.
Tutto questo è possibile grazie alla grande libertà che Eve ti lascia, fin dal primo momento in cui metti piede fuori dalla stazione, nel freddo spazio profondo, a bordo della tua piccola nave, offerta dalla tua fazione d’ origine.
La prima sensazione che proverai è smarrimento, seguito da confusione, e dalla domanda, che sorge spontanea in qualsiasi nuovo (e non solo nuovo) giocatore di Eve: “E mo’ che faccio?”.
Difatti, Eve è talmente libero, da essere incomprensibile. Motivo per cui molte persone lo abbanonano in fretta e furia, etichettandolo come “noioso”, o “brutto”, per nascondere la verità assoluta, e cioè che il loro QI è troppo basso per gli standard di Eve.
Gli sviluppatori del suddetto gioco, volontariamente o no, rendendolo complesso hanno costruito un muro intorno a Eve, che scoraggia i meno senzienti, o quelli con poca determinazione, curiosità, o inventiva.
Anche a costo di risultare cattivo, io sono felice di questo. Non perché mi reputi più intelligente della norma, ma perché, senza questa barriera naturale, il gioco sarebbe prima di tutto simile a qualsiasi altro MMORPG presente sul mercato, e in più, sarebbe invaso da bm.
Eve è un gioco complesso, strategico, libero, dall’ economia delicata.. Reale.
Eve, imho, è forse, nei suoi meccanismi, la più realistica simulazione di vita reale presente sul mercato.
L’ economia è portata avanti interamente dai giocatori (che producono QUALSIASI bene esistente, aka non esiste un mercato NPC), ed essendo tale può essere manipolata, se si ha il capitale necessario.
Qualsiasi cosa tu voglia fare in Eve, puoi farla.
Vuoi diventare un pirata e depredare navi in sistemi adiacenti allo spazio imperiale? Puoi farlo.
Studi economia e vuoi sfruttare questa conoscenza a tuo vantaggio, manipolando il mercato, sfruttando le nozioni che studi all’ Università nella vita reale? L’ economia su Eve funziona in modo simile a quello reale, quindi puoi farlo.
Il tuo sogno è girare l’ Universo trasportando risorse a bordo della tua nave cargo, sviluppandoti ed espandendoti, e magari creando una Corporazione di trasporti che faccia trasporti a pagamento? Puoi farlo.
Vuoi passare la vita a guardare la tua nave che succhia sempre più minerali dagli asteroidi, per poi entrare o creare una corporazione di minatori e prendere in mano il mercato di un certo minerale? Puoi farlo.
Vuoi divertirti a far esplodere le navi degli inermi minatori che si divertono a guardare la loro nave che succhia minerali dagli asteroidi? Puoi farlo.
Dato che la lista potrebbe continuare all’ infinito, devo fermarmi qui, per non risultare noioso. Ma volevo, e dovevo farvi capire che l’ Universo di Eve ti permette di fare qualsiasi cosa divertendoti. Dalla più futile, leggera, e disimpegnata bravata, alla più organizzata e complessa azione militare, commerciale, o chissà che, che influenzerà l’ intero Universo di Eve, e ti farà finire sicuramente sui vari siti di News sul mondo di New Eden.
Se questo articolo ha suscitato in te la Nerdissima voglia di provare questo gioco, prima di avventurarti in questo mondo, devi sbattere contro una dura verità: Eve Online è a pagamento mensile.
Detto questo, c’ è da dire che la furbissima CCP ha dato ai giocatori un modo per giocare a Eve senza spendere soldi veri (quindi spendendo gli ISK, aka moneta del gioco), continuando comunque a guadagnare.
Questa geniale soluzione è il PLEX, una “Pilot License Extension”, che ti “regala” 30 giorni aggiuntivi di gioco al prezzo di 14 Euro al mese, o circa 600.000.000 ISK, in valuta del gioco.
600 Milioni sono tanti, bisogna dirlo. Ma essendo Eve un gioco libero e aperto alla creatività, puoi metterci mesi ad avere un introito stabile che ti permetta di pagarti il mese di gioco con gli ISK, avendo ancora soldi da parte, oppure, se hai l’ idea giusta, ti ritroverai miliardario dopo due settimane. La dinamicità non manca, quindi a te la scelta.

Intanto, se sei stato catturato da questo articolo, e vuoi saperne di più, cliccando su QUESTO LINKavrai un estensione del periodo di prova da 14 a 21 giorni.
So quanto possa essere confusionale Eve all’ inizio, quindi per non farvi scoraggiare, vi invito a contattarmi privatamente, o ad entrare nella chat ingame “Nerdy Pub”.
Mi troverete là, pronto ad aiutarvi, se avrete bisogno.

Buon Game, e attenti a non farvi risucchiare nella spirale!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s